News, Eventi & Offerte

dedicati a voi

Itinerari – Il sentiero della libertà, Trevigiana e Cima Crench

La partenza è prevista a Idro, in centro paese, dove si può parcheggiare gratuitamente l’auto.

DIFFICOLTA’:
Medio
TIPOLOGIA:
All Mountain/ Enduro
PARTENZA:
Idro
DISLIVELLO:
850 mt
DISTANZA:
17 km
DURATA:
3 Ore
TIPOLOGIA E-BIKE:
E-Mtb full suspension
CONSUMO BATTERIA:
1 batteria 100%

Passiamo sulla sponda del lago d’Idro con scorci davvero suggestivi e ci dirigiamo verso la frazione di Lemprato.

Lago d’Idro

Inizia quindi ufficialmente la salita che ci porterà ad intersecare la strada che proviene dalla chiesa di San Liberale. Continuiamo fino a Trebbio a circa 680 mt dove svoltiamo a sinistra. Qualche pedalata ed inizia ufficialmente il sentiero degli Alpini.

Il primo tratto è subito impegnativo ma poi si stabilizza rendendo l’ascesa più gradevole. Giunti in località Cocca a 751 mt proseguiamo dritti. L’ambiente ora diventa più selvaggio ma su questa mulattiera semi nascosta nella zona, verrete letteralmente rapiti dal silenzio.

Al Roccolo dei Tormini ( 1017 mt) , sotto la cima del monte Procace, avremo il tratto più “wild”.
Tenete sotto controllo la traccia ed uscirete direttamente in un campo aperto dove risalirete in sella seguendo la mulattiera sterrata. In leggera discesa arriverete a Gola di Meghè ( 968 mt ).

Ci troviamo sotto la cima di Perlè: da qui dovremo scendere percorrendo la Krukko flow inizialmente sino a Sella di Preonde (692 mt).
Questa discesa è tipicamente freeride.
Con un ultimo rilancio importante arriviamo a Cocca d’Idro ( 682 mt ).

Gruppo sentieri attrezzati

Siamo al grande momento: Vi invitiamo a lasciare la eMTB e salire per circa 10 minuti massimo per guadagnare la poco conosciuta Cima Crench ( 779 mt ). Il panorama è veramente spettacolare e ammirerete il Lago d’Idro da una nuova prospettiva. Su questa cima il primo maggio 2002 è stato posto un cippo dal “gruppo sentieri attrezzati” per commemorare l’anno internazionale delle montagne.

E’ d’obbligo una sosta non solo per godere della vista ma anche per l’intero anello montuoso che ci circonda: partendo da nord, da destra a sinistra, il Gruppo di Brenta fa da sfondo al Pian d’Oneda; l’aguzzo Dos di Laven e i monti di Bagolino, più vicino il M. Censo, le Corne di Meghé, la lunga cresta M. Paghera – M. Sassello oltre la quale sporge la Corna Zeno; verso sud, la Corna di Savallo, più vicino il Forte di Valledrane oltre il quale si intravedono i monti di Provaglio; proseguendo verso est/nord-est, il M. Proace, la Croce di Perlé, il M. Manòs, il M.Camisino, la Calva, il M. Stino e la sommità della Cima Spessa.

Back to top